Museo Nazionale Romano

Una raccolta archeologica tra le più importanti del mondo, articolata in tre sedi
Museo Nazionale Romano
Da 4.00

Complesso delle Terme di Diocleziano, Palazzo Massimo e Palazzo Altemps.

Organizzazione Tecnica Società Cooperativa Culture - Roma
Provided by Società Cooperativa Culture - Roma

Panoramica

Il Museo Nazionale Romano contiene una raccolta archeologica tra le più importanti del mondo ed è articolato in tre sedi: Complesso delle Terme di Diocleziano, di cui fa parte l'Aula Ottagona, Palazzo Massimo, Palazzo Altemps.

Biglietto valido per 8 giorni per Palazzo Massimo, Palazzo Altemps, Crypta Balbi e le Terme di Diocleziano.

La prenotazione deve essere richiesta con almeno 1 giorno lavorativo di anticipo.

Risparmia tempo nell'ordinare! Aggiungi al tuo basket tutti i biglietti che vuoi, poi riempi il modulo d'ordine e invia la richiesta.

Prima di effettuare l'ordine leggi le Informazioni sull'ordine.

IMPORTANTE:Dopo aver completato con successo una prenotazione, riceverete due e- mails: la copia del vostro ordine (immediatamente dopo averlo fatto) e la mail di conferma (un giorno lavorativo dopo). Per poter ricevere queste due mail, vi preghiamo di accertarvi di inserire correttamente il vostro indirizzo di posta elettronica e controllare che i filtri anti-spam o antivirus non blocchino le mail dal nostro indirizzo help@waf.it . Attenzione speciale da parte degli utenti di AOL.

ATTENZIONE: se l'orario richiesto è esaurito, il museo confermerà automaticamente l'orario disponibile più vicino a quello richiesto, nella stessa data.

Orario d'apertura: Aperto tutti i giorni dalle 09:00 alle 19.45 (24 e 31 dicembre dalle 9 alle 17). Chiuso lunedì (eccetto Lunedì in Albis e durante la Settimana per la Cultura), 1 gennaio, 25 dicembre. La biglietteria chiude un'ora prima

Politica di cancellazione:
Per cancellazioni ricevute una volta assegnato il codice di conferma, e per no show, possiamo rimborsare il costo di biglietti non utilizzati meno il costo del servizio (prevendita e prenotazione online).

 

 

Dettagli

L'edificio di Palazzo Massimo sorge su un luogo precedentemente occupato da Villa Peretti, la dimora costruita da Sisto V e di proprietà della famiglia Massimo, poi erosa dalla costruzione della stazione ferroviaria di Termini e definitivamente demolita nel 1883. Il palazzo sorge proprio tra il 1883 e il 1887, su progetto dell'architetto Camillo Pistrucci, in stile neo-cinquecentesco, a sei piani ed è stato sede, per quasi un secolo, di un prestigioso istituto di istruzione religiosa dei padri Gesuiti. Adibito in parte a ospedale militare durante la seconda guerra mondiale, tornò alle funzioni scolastiche fino al 1960.

Lo Stato l'ha acquisito nel 1981 con l'obiettivo di trasformarlo in sede museale. Dal 1988è stata la sede le Museo Nazionale Romano, composto da Palazzo Altemps, la Crypta Balbo, il Musei degli Strumenti Musicali e le Terme di Diocleziano.

Palazzo Massimo ospita opere di pittura e scultura romana antica, monete e gioielli distribuiti in 3 piani.

Il sottosuolo ospita le collezioni di numismatica e gioielleria. La collezione numismatica, ora la più completa collezione di monete romane nel mondo, fu formata da molte collezioni private, come il Museo Museo Kircheriano, Francesco Gnecchi, e il Re Vittorio Emanuele III, e i principali gruzzoli scoperti a Roma e Lazio. La mostra illustra la storia della moneta romana, dai suoi origini ai tempi moderni.

Nella volta accanto sono mostrati dei portagioielli scoperti in antiche sepolture di Roma e suburbi, illustrando la storia e l'evoluzione della moda e il costume all'Impero Romano. L'unica mummia romana conosciuta, di una bambina di 8 anni procedente da una tomba in Via Cassia, si trova in una stanza vicino alla collezione di monete.

La collezione d'arte antica è distribuita nel pianterreno, primo e secondo piani del palazzo, e include molti esempi di arte romana dalla fine della Repubblica alla fine dell'Impero Romano, così come molti lavori originali greci scoperti durante gli scavi nei Giardini di Sallustio.

Il pianterreno include una mostra di scultura di mezzi busti, mosaici, iscrizioni e scultura decorativa, e documenti del periodo posteriore alla conquista della Grecia e la trasformazione dello Stato Romano da Repubblica a un grande impero nel Mediterraneo.

La collezione di sculture continua nel primo piano con altri mezzi busti e un grande salone contenente importanti e famosi esemplari della statuaria ornamentale romana. In questo piano si trovano anche degli ornamenti in bronzo di Caligola.

Il secondo piano ha un'impressionante collezione di mosaici e dipinti di antiche ville, includendo degli affreschi da una villa romana trovata nel sotterraneo della Villa Farnesina, e la camera a volta contenente gli affreschi dalla stanza sotterranea della villa di Livia a prima Porta, una delle miglior conservate illustrazioni di un giardino romano.

Il Palazzo è uno degli esempi più interessanti di architettura del Rinascimento a Roma. Fu iniziato da Girolamo Riario nel 1477 nell’area dove nell’antichità c’erano le officine del marmo, forse vicino ad un tempio di Apollo. Dal 1997 è una delle quattro sedi del Museo Nazionale Romano, con Palazzo Massimo, le Terme di Diocleziano e la Crypta Balbi.

Nel palazzo si trovano le sculture provenienti da note raccolte archeologiche rinascimentali e barocche, come la famosa collezione Boncompagni Ludovisi, la ricca raccolta cinquecentesca di Asdrubale e Ciriaco Mattei e la stessa collezione Altemps. Di quest’ultima collezione lo stato è riuscito a riacquistare sedici sculture, quattro delle quali sono collocate sotto le arcate del portico settentrionale.

Tra i capolavori esposti ricordiamo uno dei pezzi più famosi della collezione Ludovisi, il Trono Ludovisi con la nascita di Venere (con ogni probabilità un originale magno-greco del V secolo a.C.). E ancora il celebre gruppo di Oreste ed Elettra che abbracciandosi si dicono addio e l’Ares Ludovisi, definito dal Winkelmann “il più bel Marte dell’antichità”.

Importanti sono le sculture nel Salone delle Feste, come il gruppo del Galata suicida (trovato insieme alla scultura del Galata morente oggi ai Musei Capitolini) e le copie romane da originali greci, come l’Athena Parthenos, copia dell’originale di Fidia e l’Eracle del II secolo a.C., copia di un originale di Lisippo.

E’ possibile visitare una sola sala della collezione egizia, oggi in allestimento. Il percorso di visita comprende anche la Chiesa di Sant’Aniceto, fatta costruire da Giovanni Angelo Altemps nel 1603, una tra le principali di Roma per la sua straordinaria ricchezza ed anche perché, in una dimora privata, fra un gran numero di reliquie, custodisce anche le spoglie di Sant’Aniceto, uno dei primi pontefici. Il vicino Teatro di Goldoni, restaurato di recente, è inoltre sede per incontri e conferenze.

La Crypta Balbi è un museo unico nel suo genere. E’ la quarta delle sedi del Museo Nazionale Romano, con Palazzo Massimo, Palazzo Altemps e le Terme di Diocleziano. La Crypta Balbi era in origine un vasto cortile porticato annesso al teatro che Lucio Cornelio Balbo aveva eretto per volere di Augusto alla fine del I secolo a.C. Rappresenta una straordinaria testimonianza dell’evoluzione della società romana e del paesaggio urbano dall'antichità al XX secolo.

Vent’anni di scavi e ricerche hanno portato alla luce una serie di trasformazioni e riusi dello stesso monumento e aiutano a comprendere i costumi sociali e le attività economiche durante l’oscuro periodo che segna il passaggio dall’antichità al Medioevo.

Il museo si trova nella parte del complesso edilizio restaurato tra via delle Botteghe Oscure e via M. Caetani, che comprende il "dormitorio barberiniano" e due case di origine medievale che si affacciano su via delle Botteghe Oscure.

La visita comprende una esposizione su tre piani ed un percorso fra vari edifici. Insieme ai materiali recuperati negli scavi della Crypta, come vasellame di varie epoche, utensili e frammenti architettonici, sono esposti anche reperti provenienti dalle collezioni storiche del Museo Nazionale Romano (antichità del Museo Kircheriano, collezioni Gorga e Betti, Medagliere).

Sono stati da poco aperti ai visitatori gli scavi dell’esedra del teatro dove si possono individuare i vari riutilizzi del luogo. Sono inoltre visitabili le cantine, dalle quali si possono osservare le strutture della cripta e di un monumento destinato alla distribuzione gratuita del grano (Porticus Minucia) con gli ampliamenti medievali.

Le terme di Diocleziano furono costruite alla fine del secolo III DC e sono state la sede storica del Museo Nazionale Romano.

Quasi un secolo dopo la creazioni delle Terme di Caracalla, l'imperatore Diocleziano decise di oscurare l'impressa del suo predecessore commissionando il più grande e bello stabilimento termale mai fatto. La costruzione iniziò nel 298 DC e finì nel 305 DC, e richiese il lavoro di più di 500 schiavi.

Queste terme ebbero un ruolo centrale nella vita sociale dei romani, essendo una specie di centro culturale. Questi bagni potevano ospitare fino a 3000 persone e offriva piscine a diverse temperature, bagni in marmo riscaldato, aree separate per uomini e donne, saune, giardini, osterie, palestre, gallerie d'arte, librerie e auditori.

L'enorme complesso aveva un edificio centrale con calidarium, tepidarium e natatio disposti lungo l'asse corto, e palestre a entrambi i lati dell'asse più lungo, con un'ampia corte introno usata come giardino. Dentro il complesso si trovavano delle ampie stanze (probabilmente usate come sale da conferenze), larghe stanze rettangolari usate come librerie, e stanze circolari agli angoli a ovest e sud, trasformate poi nella chiesa di San Bernardo alle Terme e un ristorante con arena.

Oggi, Piazza della Repubblica traccia la linea della grande esedra delle Terme, davanti a cui c'erano il calidarium, tepidarium e basilica trasformate nel 1561 da Michelangelo nella chiesa di Santa Maria degli Angeli.

Il pavimento che porta all'altare è una meridiana, el'ingresso della chiesa originalmente separava il calidarium del tepidarium. L'altare è stato costruito sopra l'asse corto della nave, mentre il corpo centrale delle terme originali scorrono in entrambe le direzioni verso gli altari, decorati da Vanvitelli. L'effetto di questo incrocio al centro è molto spettacolare per le dimensioni e le proporzioni. I funerali di stato sono effettuati qui, e per Natale e Pasqua vi si tengono dei concerti di musica sacra..

Gli edifici che circondano Santa Maria degli Angeli sono anche parti riciclate delle terme, inclusa la chiesa di San Bernardo e l'edificio circolare all'angolo tra Via Viminale e Via delle Terme di Diocleziano. A sinistra della chiesa, un altro calidarium fu usato come planetario ed è oggi l'Aula Ottagona, parte del Museo Nazionale Romano E' una grande stanza coperta da una cupola contenente statue in marmo appartenenti alle Terme di Caracalla e di Diocleziano, e due importanti statue di un pugile e un atleta del Colle Quirinale. Gli scavi sottostanti mostrano le fornace per riscaldare l'acqua e le fondamenta di un altro edificio risalente ai tempi di Diocleziano.

Il museo fu fondato nel 1889 ereditando collezioni come quella della famiglia Ludovisi e del Kircherian Museum. Ospita una considerevole collezione epigrafica di quasi 10000 iscrizioni, sarcofagi, mosaici ed affreschi. Una sezione del museo è dedicata alle opere provenienti dalle ville imperiali.

Prezzi

Solo biglietti interi; i biglietti ridotti e gratuiti possono essere ottenuti solo direttamente ai musei e siti di Roma.

Attenzione: Il costo è formato come segue:

  • Biglietto + mostra € 7.00
  • Diritti di Prevendita del Concessionario € 0.60
  • Diritti di Prenotazione Online € 3.40

 

Commenti

ATTENZIONE: L'ingresso al sito prenotato è vietato senza la presentazione del voucher. La presentazione della copia dell'ordine non dà diritto all'ingresso. Non sono previste eccezioni a questa regola.

Waf.it e Weekendafirenze.com sono marchi registrati da Weekend a Firenze Srl presso la Camera di Commercio di Firenze, autorizzazione n. 0469879 - cap. soc. € 61.200,00 - Copyright © 1995 - 2017 by Weekend a Firenze ® s.r.l. - Via Pistoiese 132, 59100 Prato (ITALY) - Fax +39-0574-401744 - p. IVA 02180560480 - Tutti i diritti riservati - Informazioni

Powered by Web95

Inserire le parole da cercare sul sito